PROGETTARE UN GIARDINO

Progettare un giardino è il modo migliore per valorizzare il tuo spazio all’aperto e non commettere errori di cui potresti accorgerti quando ormai è troppo tardi

Che cos’è un giardino? È una porzione di terreno con qualche albero intorno? È un luogo di ricreazione in mezzo alla natura? Difficile dare una definizione conclusiva, di certo un giardino non è un ambiente completamente naturale, semmai è più corretto dire che un giardino è un luogo artificiale progettato per risultare naturale. Una siepe e un prato ben curati non sono però sufficienti a trasformare un’area all’aperto in un giardino interessante, che nell’immaginario – e anche nella realtà – dovrebbe essere in equilibrio tra fascino contemplativo e molteplici destinazioni d’uso.

Non esistono due giardini uguali al mondo, questo perché ogni proprietà, ogni terrazzo e ogni villa ha caratteristiche differenti (contesto, clima, esposizione, suolo, edifici, paesaggio circostante). In sostanza ogni giardino è unico e merita una progettazione su misura che risolva, o quanto meno attenui, le specifiche criticità e allo stesso tempo valorizzi le potenzialità del sito. I parchi all’inglese, così naturali e piacevoli da visitare, sono frutto di progettazioni minuziose e cantieri monumentali. E di decenni di manutenzione ordinaria e accurata del verde.

Progettare un giardino, anche di piccole dimensioni, significa permettere alle persone che lo frequentano di svolgere una serie di attività in mezzo al verde: giocare, passeggiare, rilassarsi, prendere il sole, socializzare, nuotare, pranzare, fare ginnastica, coltivare un orto. A volte bisogna prevedere tutte queste attività all’interno dello stesso giardino. Di conseguenza progettare un giardino è un’azione complessa che non si limita alla scelta delle piante ma ha come obiettivi l’organizzazione degli spazi e l’individuazione delle funzioni. La progettazione del verde deve quindi prendere in considerazione elementi naturali ed elementi costruiti come sedute e arredi, impianti di irrigazione, piscine, camminamenti, luci, pergole, sculture.

Progettazione del verde
Progettare un giardino significa affidarsi a un architetto del paesaggio o a un progettista del verde, garden designer se preferite, che sono le figure professionali che si occupano di progettazione del verde sotto ogni aspetto. Un bravo progettista del verde deve unire competenze tecniche impeccabili a una profonda conoscenza delle piante e deve anche possedere uno spiccato gusto estetico.

Manutenzione giardini
La manutenzione del verde viene considerata un’attività secondaria, o addirittura un male necessario, ma questo approccio è sbagliato e controproducente. In realtà è proprio la manutenzione ordinaria costante a rendere il giardino un luogo attrattivo, rigoglioso e pieno di vita. Progettare un giardino non serve a nulla se poi non viene effettuata regolarmente la manutenzione; per questo motivo un bravo progettista del verde deve considerare la manutenzione giardini parte integrante del progetto fin dall’inizio.

Piante da giardino
Le piante da giardino sono moltissime e si dividono in tre categorie di massima: arbusti, alberi ed erbacee perenni. Mescolate tra loro, le piante da giardino possono generare un’infinità di combinazioni, portamenti, tessiture foliari, colori e fioriture in periodi differenti. È molto importante progettare un giardino in modo che abbia una struttura vegetale forte, in equilibrio tra fiori e foglie come anche tra piante sempreverdi e piante spoglianti, in modo che il giardino possa fornire spunti e motivi di interesse nell’arco di tutto l’anno.

A differenza di quello che si potrebbe pensare, quando si approccia la progettazione del verde, le piante ornamentali sono l’ultimo elemento da prendere in considerazione. In fase di elaborazione di progetti di giardini è meglio pensare alle piante come a volumi e masse verdi indistinte e a dove le vogliamo inserire. Questo perché le piante da giardino ci possono distrarre dal nostro obiettivo primario, che è quello di progettare un giardino suddiviso in zone e che soddisfi le esigenze del committente. Solo quando avremo in mano il progetto definitivo potremo scegliere le piante in base a una serie di criteri: bellezza della fioritura, massimo sviluppo, livello di manutenzione, armonia con le altre piante da giardino.

Impianti di irrigazione
I giardini ornamentali, per essere belli e in salute, non possono prescindere da impianti di irrigazione su misura. L’acqua è un bene prezioso per le piante e anche per la collettività, di conseguenza tutti gli impianti di irrigazione dovrebbero essere dimensionati in modo corretto per evitare sprechi. Inoltre ogni tipo di pianta, terreno e zona del nostro giardino ha bisogno di un’irrigazione differente. Un tappeto erboso, ad esempio, verrà irrorato a pioggia con turbine a scomparsa, siepi e bordure devono essere servite da sistemi ad ala gocciolante, vasi e fioriere devono essere collegati a un sistema di micro irrigazione.

Illuminazione giardini
In molti sottovalutano l’importanza dell’illuminazione in giardino, eppure la miscela giusta di luci e ombre può creare effetti spettacolari e segnare il confine tra un bel giardino e un luogo magico. Un buon progetto di illuminazione giardini valorizza tantissimo la vegetazione e permette di ammirare la bellezza del giardino anche di notte, da dentro casa come da fuori, con prospettive e sensazioni differenti. Inoltre l’illuminazione giardini ha anche un utile effetto collaterale perché tiene alla larga i malintenzionati.